La Credenziale del Pellegrino

La credenziale è un documento che identifica il pellegrino, la sua condizione e la sua intenzione a intraprendere un pellegrinaggio con la sola motivazione religiosa. Il pellegrino per sua natura è colui che è diretto verso un luogo dove sono conservate le spoglie mortali di un santo o alcune reliquie, o anche verso un luogo di culto.

Fin dal medioevo, un pellegrino che partiva per intraprendere un pellegrinaggio, chiedeva e otteneva una lettera di presentazione, la credenziale o passaporto del pellegrino, rilasciata da un parroco, da un vescovo, da un superiore di un convento o un abbate di una abbazia o dal priore di una confraternita; in ogni caso chi concedeva la credenziale conosceva personalmente chi la richiedeva.

Oggi la credenziale viene rilasciata da una struttura religiosa (o civile), che si assume la responsabilità dello “status di pellegrino” di colui che ne fa richiesta. La credenziale del pellegrino sancisce che chi ne è in possesso è un pellegrino e sta effettuando un pellegrinaggio, non è un turista in vacanza o uno sportivo.

La credenziale ha anche lo scopo di dimostrare, attraverso le date e i timbri raccolti lungo il cammino, che il pellegrino ha percorso almeno 100 km a piedi o 200 km in bici per ricevere il Testimonium (per coloro che si dirigono a Roma, Loreto ecc.), mentre per coloro arrivano a Santiago viene rilasciata la Compostela; per chi fa il cammino di San Francesco e arriva ad Assisi, sono necessari 75 km per ricevere il Testimonium Viae Francisci.

Curiosità ... prese qua e là

Prima di partire il pellegrino si preparava al viaggio con pratiche di purificazione: se aveva dei nemici si riappacificava, se aveva dei debiti li saldava, faceva testamento, elargiva donazioni alla Chiesa per il bene dell'anima ed infine si confessava perchè, senza un sincero pentimento, il viaggio era del tutto inutile.

 

****

A Roma la Confraternita dei pellegrini aveva stabilito che il pellegrino vero è colui che alla sua partenza verso la meta del pellegrinaggio aveva con sé una sorte di patente, rilasciata da un confessore, che attestava l'autenticità del pellegrinaggio e che doveva esibire durante il viaggio alle varie autorità ecclesiastiche e civili. Gli studiosi sostengono che si avevano due tipi di credenziali per i pellegrini: le pacificae, lettere ordinarie, e le commendatitiae, lettere date per i casi specifici e singolari. 

Lettere commendatizie venivano scritte anche dai papi, per il costante sforzo diplomatico e relazionale della Sedes Petri. Più distante era la destinazione finale, più numerosi erano i diocesani cui il papa doveva rivolgersi per raccomandare uno o più inviati.